A Bologna maxi chirurgia vascolare

È operativa dai primi di ottobre a Bologna la più grande Chirurgia vascolare d'Italia: un unico reparto che servirà tutta l'area metropolitana, un territorio con un milione di abitanti, e che coinvolge sei ospedali: due per le emergenze e le malattie delle arterie (Policlinico Sant'Orsola e Ospedale Maggiore di Bologna) tre (Bazzano, Budrio e Imola) per le malattie venose e l'istituto ortopedico Rizzoli (Bologna) per gli interventi ortopedici e vascolari associati. Una "rivoluzione", l'ha definita Antonella Messori, direttore generale del Sant'Orsola, presentando oggi la novità alla stampa. L'operazione punta ad "accompagnare" il cittadino-paziente e a garantire equità nell'accesso alle cure. Tra i vantaggi la lista d'attesa unica per l'accesso alle prestazioni e la ripartizione delle attività tra i diversi ospedali, che dovrebbe quindi portare, secondo Andrea Stella, direttore di Chirurgia Vascolare del Sant'Orsola, "almeno a un miglioramento" dei tempi di presa in carico dei pazienti.

Altre notizie

Notizie più lette

  1. ControRadio
  2. ToscanaMedia
  3. Notizie di Prato
  4. Il Giunco
  5. La Voce di Pistoia

Gli appuntamenti

In città e dintorni

SCOPRI TUTTI GLI EVENTI

Castiglione dei Pepoli

FARMACIE DI TURNO

    Nel frattempo, in altre città d'Italia...